MILANO | 10 Giugno 2014 | ore 19.30

MILANO | 10 Giugno 2014 | ore 19.30 PANDANZ Associazione più che Culturale presenta Pillole Festival | Somministrazioni di Danza D’autore in una serata speciale all’Institut français Milano

09c896_6ab29db02ed141f9b6f7c4f230705929.jpg_srz_631_447_75_22_0.50_1.20_0.00_jpg_srz

Dal sodalizio artistico italo – francese tra Virginia Spallarossa, danzatrice e coreografa, presidente di PANDANZ e direttrice artistica di Pillole Festival | Somministrazioni di danza d’autore e il regista francese Gilles Toutevoix nasce una serata speciale, un momento di incontro e di confronto, intorno a performance, videodanza, installazioni e fotografia.

Danzeranno nel suggestivo chiostro del Palazzo delle Stelline, celebrando così l’arrivo dell’estate, Andrea Rampazzo, Martina La Ragione, Giulio Petrucci e Rachele Petrini.

Una perfomance di presentazione con proiezioni video e la mostra fotografica “On The Edge” – in prima assoluta – presenteranno la seconda edizione di Pillole Festival | Somministrazioni di danza d’autore, che si terrà a Milano e dintorni durante EXPO 2015.

Pillole, infatti, è un festival buono come il pane e sarà proprio il pane il fil rouge tra le diverse azioni artistiche in programma.

Perché dell’arte c’è bisogno come del pane: diviso e condiviso, patrimonio dell’umanità e sigillo della cultura.

Muovendo dalla danza contemporanea, Pillole intende diffondere e promuovere l’arte attraverso performance, video, concerti, installazioni conferenze e masterclass; negoziando continuamente tra le diverse arti che lo abitano, ha un’attenzione favorita verso i giovani talenti, nazionali e internazionali. La sua danza si muove nello spazio, non vuole più stare ferma e non si pone limite alcuno nell’incontrare ogni altra forma di espressione.

La serata speciale all’Institut français Milano sarà l’occasione per lanciare una campagna di raccolta fondi per il Festival; per finanziarlo si è scelto di affidarsi al crowdfunding, un sistema di finanziamento dal basso che coinvolge le persone singole, creando una comunità di sostenitori del progetto – essendo la cultura stessa simbolo di appartenenza ad una comunità e di forte identità.